dolore-intercostale
Benessere

Dolore intercostale: quali sono gli esercizi che possono calmarlo

Il dolore intercostale è facile riconoscerlo, in quanto è un fastidio che compare esattamente tra le due costole e la causa può essere di varia natura, più o meno grave.

Infatti, potrebbe derivare da disturbi ai nervi, ai muscoli, alle cartilagini costali e alle costole, invece, tra quelle più gravi si distinguono: fratture, nevralgia, strappi, stiramenti, infiammazioni alle cartilagini e infezioni.

Per quanto riguarda l’origine di un dolore intercostale può essere stabilita solamente da un medico competente e quindi il trattamento non sarà uguale per tutti; bisognerà dunque procedere con una visita specialistica per poi determinare il trattamento.

Oggi però affronteremo il tema delle principali cause e quali sono gli esercizi per il dolore intercostale.

Principali cause del dolore intercostale

dolore-intercostale

Come accennato poc’anzi, le cause del dolore intercostale potrebbero essere di varia natura, tra le quali:

  • Crampi ai muscoli intercostali – questa è la causa più comune e capita esattamente come per il crampo muscolare agli arti inferiori o superiori, si riconosce per il malessere che provoca costringendo a stare un po’ a riposo. Tali crampi vanno e vengono, ma in un’oretta di risolve tutto automaticamente;
  • Strappo o stiramento dei muscoli intercostali – quello appena citato è la conseguenza di un grande sforzo a cui è sottoposto il corpo ad esempio dopo un’attività fisica troppo pesante. Un altro motivo per il quale si presenta uno strappo o uno stiramento è la tosse prolungata nel tempo e molto violenta, in questo caso il fastidio permane per qualche giorno, ma si raccomanda riposo assoluto per una guarigione completa;
  • Osteoartrite – il dolore intercostale è tipico anche nelle persone che soffrono di osteoartrite, ovvero un’infiammazione che colpisce gli arti. L’infiammazione agisce espandendosi tra le costole, cartilagini e lo sterno provocando un forte dolore. Il trattamento che dovrà essere seguito verrà fornito dal medico competente, anche a seconda della cura per l’osteoartrite;
  • Frattura o incrinatura delle costole – per presentarsi una delle due situazioni appena citate, dovrà esserci stata una caduta, contusione, un incidente o un qualcosa che ha provocato un trauma alle costole. Sicuramente un’incrinatura delle costole guarisce in tempi molto più brevi rispetto ad una frattura, anche se il dolore provato è il medesimo. Nel primo caso ci vorranno dalle 4 alle 6 settimane per la guarigione, mentre nel secondo caso tra le 6 e le 8 settimane;
  • Nevralgia – si tratta di una condizione rara, ma comunque presente e significa che i nervi tra le costole non funzionano più correttamente e provocano dei dolori lancinanti;
  • Tumore – questo è il caso più grave di un dolore intercostale provocato da un tumore alle costole o dalle metastasi arrivate fino a quella zona.

Esercizi che alleviano il dolore intercostale

dolore-intercostale

Per poter cercare di alleviare questa tipologia di malessere e avere un corpo sano, come abbiamo affermato precedentemente, è possibile praticare degli esercizi appositi; sicuramente si tratta per lo più di un palliativo ed è bene quindi consultare il proprio medico.

Si tratta di esercizi di stretching per alleviare il dolore intercostale, e i più comuni sono:

  • Esercizio laterale degli intercostali – possono essere eseguiti sia in piedi che da seduti portando le braccia dietro la testa e le mani tengono il gomito opposto. I piedi si posizionano all’altezza dei fianchi, inclinando il busto verso un lato per circa 30 secondi. Procedere con l’altro lato per qualche volta;
  • Esercizio di rotazione – si esegue in posizione eretta, ponendo i piedi all’altezza delle spalle. Alzare le braccia verso l’altro e procedere con una leggera torsione prima a destra e poi a sinistra, mantenendo la posizione per circa 30 secondi;
  • Esercizio laterale verso l’alto – deve essere eseguito in piedi divaricando le gambe con i piedi alla stessa altezza delle spalle, procedere poi con alzare le braccia verso l’alto e unire le mani. A questo punto, bisogna spingere il busto verso il basso, prima da un lato e poi dall’altro, allo stesso tempo sollevare il busto verso l’alto e cercare di mantenere la posizione per almeno 30 secondi;
  • Esercizio del torso – porre i piedi all’altezza delle spalle e spingere le braccia all’indietro con le mani ben salde nella zona lombare, a questo punto occorre spingere il busto verso dietro e inclinando testa e spalle per almeno 30 secondi.

Gli esercizi appena descritti dovranno essere eseguiti con molta calma, senza fare movimenti bruschi e violenti e seguendo le regole di respirazione corretta.

Ricordiamo comunque che il dolore intercostale è a sé per ogni singolo caso, quindi è bene consultare un medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *